IMG 3610pIniziai a muovere i pedoni sulla scacchiera circa trenta anni fa e gli amici del Circolo Perugino degli Scacchi miei coetanei erano già forti giocatori, ricordo alcuni di essi tra i quali Bertolini Ettore e Mignone Marco che erano già Seconda Categoria Nazionale, De Lauretis ed Alexander erano di Prima Categoria Nazionale ed al vertice, per forza di gioco, c’erano i due Candidati Maestri Sofocle Arkontakis ed Andrea Malfagia. Nel primo campionato perugino al quale partecipai ricevetti sonore batoste dai giocatori sopra citati e nella partita con Ettore Bertolini caddi vittima di uno schema d’attacco che allora non conoscevo : il doppio sacrificio di alfiere sull’arrocco con conseguente matto di torre e/o di regina.


Da allora mi ripromisi di poter un giorno raggiungere la loro abilità nel gioco e sconfiggerli sulla scacchiera; l’occasione mi si è presentata di recente al II° OPEN INTERNAZIONALE città di Perugia.

L’ATTACCO di …....”Gioacchino GRECO”

In questa partita il conduttore dei pezzi bianchi contravviene, a più riprese, ad un principio elementare del gioco degli scacchi che è quello di non muovere più volte lo stesso pezzo in fase di apertura, ciò per evitare che l’avversario possa guadagnare tempi preziosi. Fiorinto lo fa addirittura con due pezzi, il cavallo e l’alfiere, ma allo scopo di ottenere un vantaggio strategico permanente, cioè creare nel campo avversario una casella debole, la casa d5, per collocarvi il proprio cavallo che coordinando gli altri pezzi potrà portare insieme ad essi l’attacco al re avversario. Nella partita che segue è stato applicato lo schema di attacco più primitivo che è a disposizione del bianco,l’attacco al punto f7, già noto nelle partite di Gioacchino Greco degli inizi del 1600, ma che è sempre ricco di suggestioni per chi lo attua e per gli osservatori esterni e se viene condotto con eleganza mantiene intatto il suo fascino.

II° OPEN INTERNAZIONALE
Perugia 11.11.2012

Apertura siciliana var . Sveshnikov (B33)
CUPPONE FIORINTO – BERTOLINI ETTORE (1-0)

 

1. e4 , c5 ;
2. Cf3 , Cc6 ;
3. d4 , c:d4 ;
4. C:d4 , Cf6 ;
5. Cc3 , e6 ;
6. Cdb5 , d6 ;
7. Af4 , e5 ;
8. Ag5 , a6 ;
9. Ca3 , Ae7 ;

Il nero sceglie una linea di gioco secondaria, a questo punto di solito si gioca 9……, b5; allo scopo di impedire il transito del cavallo bianco in c4 che poi dalla casa e3 andrà a porre un ulteriore controllo sulla casella d5.

10. Cc4 , b5 ? ;

Questa mossa secondo me è quella che compromette la posizione del nero, forse Bertolini ha compiuto una posposizione di mosse? Si è scordato di giocarla prima e la gioca ora?
Anche il GM Russo Naumkim che assisteva alle nostre analisi del dopo partita e che nel corso della stessa era più volte venuto alla scacchiera per seguire lo svolgersi degli avvenimenti, è della stessa opinione ed ha proposto questo seguito :
10……., Ae6; 11. A:f6, A:f6; 12. Cd6+, Rf8; 13. Ac4, De7 con lieve vantaggio per il bianco nonostante il pedone in più.

Nel corso della partita a questo punto mi creò un certo turbamento la possibilità per il nero della presa con il cavallo in e4, ma il GM Naumkin, dall’alto della sua esperienza mi rassicurò facendoci vedere il seguito corretto : 10……, C:e4?? ; 11. C:e4, A:g5; 12. Cc:d6+!!, Rf8; 13. Dh5 , se ora il nero salva l’alfiere prende matto con la Donna in f7, se para il matto 13….., Ae6 perde l’alfiere.

 

11. A:f6 , g:f6 ;
12. Ce3 , Cd4 ;
13. Ad3 , Ae6 ;

Il nero è paralizzato, l’unica possibilità è quella di spingere il pedone f6 in f5 per liberare l’azione della coppia degli alfieri e guadagnare spazio con i pedoni al centro della scacchiera, ma al momento ciò è impedito dal gioco preciso del bianco.

 

14. Ccd5 , A:d5;
15. C: d5 , Tc8 ;

Qui per il nero è più precisa 15….., Tb8;
Il cavallo ha finalmente raggiunto la sua casa di destinazione e tra l’altro il nero ha indebolito ulteriormente le sue case bianche cedendo il relativo alfiere.

 

16. 00 , Ce6 ;
17. a4 ! ecco la conseguenza di 10….., b5?

Il bianco apre le linee e penetrerà con i pezzi pesanti, le torri, nel territorio dell'avversario fino a raggiungere la settima traversa.

17. , Tb8 ;
18. a:b5 , a:b5 ;
19. Ta7 , Af8 ;
20. Dh5 , Ae7 ;

Il Bianco inizia a mettere sotto osservazione la casa f7.

 

21. C:f6+, Rf8 ;

A questo punto il mio amico al silicio Fritz12 suggerisce il seguito 21.Dh6+, Cg7; 22.Cd7+, Rg8;
23. C:b8, D:b8; 24.T:e7 guadagnando un pezzo. Per la verità era il seguito che anche io mi ero prefisso di giocare in partita, ma mi sembrava troppo prosaico, per dare interesse al gioco è bene coniugare l'aspetto sportivo (il risultato positivo) con quello estetico, altrettanto importante.

 

22. Cd7+ , Re8 ;
23. C:b8 , D:b8;

Ora il nero , oltre al punto f7 debole ha anche il problema della Regina sulla stessa traversa del Re, ciò costituisce un ulteriore vantaggio tattico per il bianco.

 

24. Tfa1 , Cd8 ;

Il bianco può penetrare attraverso le case bianche sulla settima traversa del nero, alla Donna nera è infatti preclusa la casa c8, attraverso la quale potrebbe semplificare le Regine.

 

25. Df5 , Rf8 ;

Il nero sembra aver risolto i suoi problemi, difende la casa f7 con il cavallo in d8 ed inoltre ha svincolato la Donna dalla difesa dell'ultima traversa.

 

26. Ta8 , Db6 ;
27. T1a7 , Dc6 ;

L'ultima mossa del mio avversario ha lo scopo di impedire l'ingresso della Regina bianca in d7, ma ormai è troppo tardi……..

Il bianco muove e vince

 

28. T: d8+ il nero abbandona

Seguici

Vuoi restare sempre connesso con Euro Scacchi? Seguici sui social network:

Informazioni legali

Supplemento del Quotidiano ASI TifoGrifo Autorizzazione 33/2002 Registro dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002, autorizzato il 24/04/2012, Iscrizione Registro degli Operatori della Comunicazione N°21374

Via G. Da Verrazzano, 32 – 06127 – P E R U G I A – Partita IVA: 03125390546 Codice Fiscale: 80050630542